La Cassazione ha respinto il ricorso straordinario dell’ex dg della Juventus, che si era rivolto alla Suprema Corte contro la sentenza definitiva. Moggi contestava la condanna al risarcimento nei confronti di numerose parti, tra cui molte squadre, la Figc, il ministero delle Finanze e la Federconsumatori Campania riconosciuti dai giudici tra i danneggiati per l’alterazione del campionato 2004/05. Il verdetto dello scorso marzo dichiarava prescritti i reati, ma aveva CRISTALLIZZATO L'ESISTENZA DI Calciopoli e ha stabilito le conseguenze risarcitorie, da far valere in sede civile, in favore dell’ex presidente del Bologna, Giuseppe Gazzoni Frascara e della holding Victoria 2000 che controllava il club felsineo, oltre al Lecce, l’Atalanta, il Brescia e la stessa Figc. Ma mentre Gazzoni Frascara e l’Atalanta hanno già attivato le cause, per un ammontare di 181 milioni di euro, immobile al momento è rimasta la Figc. PERCHÉ?!!! Anche se si continua a a far finta di non saperlo, se il reato è prescritto, non per questo è prescritto il danno, e dunque il diritto di risarcimento alle parti civili. La Figc, però, sembra non capire! PERCHÉ ?!!!! ”