Dashboard
clear
Naviga
Home
Calciomercato.com
Login
Squadre
clear
Leggi gli articoli per squadra
Atalanta
Benevento
Bologna
Cagliari
Chievo Verona
Crotone
Fiorentina
Genoa
Inter
Juventus
Lazio
Milan
Napoli
Roma
Sampdoria
Sassuolo
Spal
Torino
Udinese
Verona
dehaze
info

le news scritte dai tifosi

PRIGIONIERO DEL PASSATO
Ludovico Lombardo

Ma quale guerriero? Vergogna!

Oggi un intero paese si è svegliato con una spaventosa domanda: che paese è il Cile? E con un'altra domanda ossessionante: il Cile è finito?  
Essere fuori dai mondiali per il Cile è un fallimento, infatti i cileni erano nel loro momento clou, con due Coppe America vinte, ma dopo un momento di luce ne è arrivato uno buio.

Il Cile nella sua massima espressione era Jorge Sampaoli, sì proprio l'allenatore che si è giocato la qualificazione all'ultima giornata con una rosa che comprende Messi, Dybala e Higuain. Ma la forza del vecchio Cile era la "Garra" e il cinismo che l'hanno resa una delle più importanti nazionali al mondo. Purtroppo il Cile è stato tradito anche dai suoi giocatori, come Vargas, bidone nei club, fenomeno in nazionale; ma anche Alexis Sanchez che quando è in nazionale sembra sempre poco concentrato e pensa già a Manchester.
Ma l'uomo che ha tradito di più il Cile è stato Arturo Vidal.

Vidal era il massimo esponente del fu vincente Cile, ma anche ieri è apparso un fantasma che vagava per il campo in cerca di Vinovo. Perché lontano da Torino, arrivato in un top club, Arturo è diventato un panchinaro e ha la grinta del panchinaro.
Ma ancora più clamorosa è stata la sua decisione di stamattina, infatti Vidal ha lasciato la Nazionale, dimostrazione di un piccolo uomo che non si merita l'appellativo di guerriero, abbandonare la barca che affonda è un atto vile e di cattivo gusto.

Vidal dimostra di non essere un guerriero e alla prima difficoltà Arturo è caduto, allora cosa doveva fare il nostro Gigi Buffon che negli ultimi 6 anni è stato preso a pallate da mezza Europa? Gigi continua a onorare quella maglia e a combattere per raggiungere l'obiettivo. 
Perché tra vent'anni se un italiano chiederà a un cileno: ti ricordi Vidal il guerriero? Il cileno ti risponderà: ma quale guerriero? 

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy