14:39 20/03/2017

Ma che bravi i napoletani!

C'era una volta un Sindaco.
Un Sindaco dovrebbe essere colui che,tra le tante cose che gli competono,debba garantire nella città della quale è il primo cittadino,l'ordine pubblico.
Questo Sindaco invece qualche settimana fa,in collaborazione con altri suoi paesani,ha pensato bene di fare il tifoso ultrà;grazie alle sue dichiarazioni,quando mancano ben due settimane alla partita,già è possibile notare i danni che hanno fatto le sue/loro parole!
L'inizio della fine ha avuto luogo in un autogrill vicino ad Arezzo,riporto la notizia,ormai di dominio pubblico,così come l'ho letta in vari organi di informazione,tra i quali "il Mattino",questi sono i fatti:
Ventiquattro tifosi campani della Juventus, diretti a Genova per la sfida con la Samp, sono stati aggrediti domenica pomeriggio da un gruppo di tifosi violenti del Napoli diretti a loro volta a Empoli. Il pullman è stato colpito dal lancio di pietre e preso a sprangate senza causare feriti. I nove teppisti, fermati a Empoli, sono indagati a piede libero.
Secondo la ricostruzione il tutto è successo domenica dopo una sosta del pullman dei tifosi juventini provenienti dalla provincia di Caserta nei pressi di Arezzo. Il mezzo è stato affiancato da due auto che cercando di speronarlo, mentre un van della Mercedes avrebbe tentato di bloccare la strada mettendosi di traverso. La bravura dell'autista nel liberarsi dalla morsa e ripartire non ha evitato il lancio di pietre e le sprangate dei nove teppisti del Napoli.
Alcuni dei ventiquattro tifosi a bordo del pullman, annotata la targa dell'auto di uno degli aggressori, ha allertato la polizia che poco prima del casello di Empoli ha fermato i protagonisti. Nel cofano sono state trovate le spranghe indicate nel racconto dei fatti con i nove tifosi del Napoli indagati a piede libero, in attesa della decisione della Digos sulla loro situazione.
Io aggiungo che per questi fatti non dovrebbe pagare solo chi materialmente si comporta da incivile,ma dovrebbero pagare,e anche salatamente,quelli che hanno fomentato tutto ciò,i veri responsabili solo loro,complimenti vivissimi!!!.....

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.
Scrivi articolo

chi sono

Nessuna presentazione disponibile

Ultimi commenti

È tutto un "gombloddo"......
Vai all'articolo - scritto alle 15:11 25-03-2017
Giocatore mediocre....non era un fenomeno prima,non è una pippa adesso....
Vai all'articolo - scritto alle 17:32 24-03-2017
Non hai capito nulla di nulla....che pessime figure fanno quelli come te.....
Vai all'articolo - scritto alle 15:18 24-03-2017
Gli stessi che hanno i frustrati interisti che ancora hanno cercano di farsi passare per delle crocerossine incomprese....
Vai all'articolo - scritto alle 14:49 24-03-2017
Vedi,voi parlate senza sapere,come sempre d'altronde!Come ho già scritto a qualche altro tuo compagno di merende Il personaggio in questione non è un *** ma un semplice ultrà,gli incontri tra Agnelli e lo stesso,come quelli tra qualsiasi Dirigente e gli ultrà (o ultras come piace tanto a "ho il privilegio di" ,sono avvenuti con il controllo diretto della Digos che ben saprà chi sia un criminale e chi no!
Vai all'articolo - scritto alle 14:47 24-03-2017

Statistiche

Iscritto dal 07.08.2015

76 articoli scritti

8098 commenti scritti

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy