Il Lussemburgo a livello calcistico è indietro anni luce rispetto alle grandi nazioni europee, ma qualcosa sta cambiando. Il calcio era visto come un dopo lavoro, ma grazie alla nuova nazionale lussemburghese il paese si sta appassionando al mondo del pallone. C'è un uomo a guidare questa Nazionale, anche se più che un un'uomo è un ragazzino, quel ragazzino è Vincent Thill. 

Vincent è il terzo di tre fratelli concepiti da l'ex calciatore lussemburghese Serge Thill. Proprio il padre sarà una figura fondamentale per Vincent , lo stesso padre ha fatto costruire tre campi da calcio (uno a 5, uno a 7, uno a 11) nel giardino di casa per poterli allenare personalmente. Ma fin da piccolino Vincent si dimostra nettamente superiore a suoi fratelli infatti quando il giocatore del Metz aveva 7 anni dribblava facilmente il fratello Sebastien tredicenne. Papà Serge sa che Vincent ha un grande talento, così all'età di 11 anni lo porta in Francia dove il giovane Thill gira tutte le migliori accademie calcistiche del paese. Fino a quando il 26 maggio 2016 firma il suo primo contratto da professionista con il Metz con grande amarezza di papà Serge, infatti Thill senior stava aspettando la chiamata di un top club ma Vincent vuole partire dal basso così firma con il Metz.
Il 21 settembre 2016 esordisce in Ligue 1 contro il Bordeaux e diventa il primo "millenials" a esordire in uno dei cinque maggiori campionati europei. Ma il percorso più luminoso è quello in Nazionale, infatti Vincent esordisce col Lussemburgo il 25 marzo 2016 non essendo ancora un giocatore professionista, così per sdebitarsi il giovane Thill segna nell'amichevole seguente contro la Nigeria, divenendo il più giovane giocatore a debuttare e a segnare col la nazionale lussemburghese. 

Insomma, con Vincent il Lussemburgo avrà un futuro radioso e il Metz si fregierà di avere il primo Lux Genius.