Ormai sembra pressoché ufficiale, al termine di questa stagione Gianluigi Buffon appenderà gli scarpini al chiodo, o meglio i guantoni. 

Uno dei piú grandi portieri della storia, i 50 e passa milioni investiti dalla Juventus nel lontano 2001 hanno dato i loro frutti per anni ed anni. Una leggenda che ci ha fatto sperare almeno un po' che la Juventus facesse il Triplete, così sarebbe stato molto probabilmente premiato con il Pallone d'Oro, premio che meriterebbe per la carriera. 

La Juventus si sta muovendo assiduamente per sostituire lo storico portiere bianconero e capitano con un giocatore che non lo faccia rimpiangere e questa scelta sembrerebbe essere ricaduta sul l'ex romanista Szczesny. Portiere polacco ventisettenne di belle speranze, ma che per ora non ha dimostrato di essere paragonabile al portierone italiano. 

In questi anni la nazionale ha cambiato tanto, da Grosso, Totti, Toni, Cannavaro e gli altri eroi del 2006 alla coppia Belotti-Immobile passando per  Cassano-Balotelli, che stese la Germania con uno storico 2-1. Insomma, ha vissuto tante gioie e tanti dolori, ma con una sola costante, Buffon in porta che l'avrebbe difesa anche bendato e con una sola mano. 

Buffon però non deve preoccuparsi perché la sua eredità ricadrà non solo su Donnarumma, ormai nel giro della Nazionale Maggiore, ma anche su altri giovanissimi portieri che lasciano ben sperare.  
Perin, infortuni a parte, ha sempre dimostrato grandi cose a Genoa e tra i tanti portierini italiani è il più 'anziano' per intenderci.
Meret con la maglia della Spal ha sorpreso attirando i riflettori e le attenzioni dei top club su di sé. Il Milan, oltre a Donnarumma, ha tra le mani un altro giovane portiere di talento, Plizzari, talentino classe 2000.
Il Mondiale U20 ha consacrato Zaccagno, che a Torino non farà sicuramente rimpiangere Hart. Ci sono poi portieri di cui si parla poco, ma con grandi potenzialità: Audero portiere della Juventus, che in Primavera ha lasciato ben sperare, Gollini, che nonostante la giovanissima età vanta tante presenze in Serie A e Premier. 

Insomma che dire, lo porta italiana è in buone mani ancora per lungo tempo.