Dashboard
clear
Naviga
Home
Calciomercato.com
Login
Squadre
clear
Leggi gli articoli per squadra
Atalanta
Benevento
Bologna
Cagliari
Chievo Verona
Crotone
Fiorentina
Genoa
Inter
Juventus
Lazio
Milan
Napoli
Roma
Sampdoria
Sassuolo
Spal
Torino
Udinese
Verona
dehaze
info

le news scritte dai tifosi

PRIGIONIERO DEL PASSATO
Ludovico Lombardo

Due grandi sogni per due piccole Nazionali

Quasi tutti ad Euro 2016  hanno tifato almeno una volta  la nazionale di calcio dell'Islanda. 
Gli islandesi hanno eliminato uno squadrone come l'Inghilterra e hanno battuto squadre come Austria e Portogallo, ma si sono dovuti arrendere ai quarti contro i fortissimi francesi padroni di casa. Se ci sembrava strano vedere l'Islanda agli europei vi sembrerà ancora più strano vederla il prossimo giugno in Russia a giocarsi i mondiali. I massimi esponenti di questa  squadra sono il giocatore dell'Everton Sigurdsson ed ex conoscenze del campionato italiano come Bjarnason e Hallfredsson. 

Gli islandesi sono sopravvissuti agli Europei grazie alla loro eccezionale preparazione fisica con cui hanno sbriciolato gli snob inglesi inventori del calcio. Ma c'è una domanda che tutti noi ci poniamo: come è arrivata l'Islanda ai livelli della nostra Italia? Semplice. Il governo islandese ha voluto puntare fortemente sul calcio e ha costruito più di 5000 campi coperti così che i giocatori si potessero allenare anche in inverno. Gli islandesi in ogni partita danno il 200% e ci mettono la grinta e il cuore (cosa che dovrebbero imparare i nostri) insomma sarà un piacere per tutto il mondo vedere la Geyser Dance anche ai mondiali. Ricordiamoci che in Russia le temperature sono molto simili a quelli dell'Islanda, quindi attenzione ai vichinghi. 

Passando in un altro continente c'è un'altra nazionale che vuole vivere un sogno stanotte.
Il sogno farebbe entrare gli ecuadorenhi nella storia del calcio sud-americano e del calcio mondiale infatti stanotte va in scena Ecuador-Argentina la nazionale di Sampaoli deve necessariamente vincere per strappare il pass per i mondiali mentre l'Ecuador si gioca dignità e onore. I giocatori più rappresentativo dell'Ecuador è il neo-acquisto della Lazio: Felipe Caicedo, che all'andata segnò il gol che valse la vittoria per la sua nazionale. Il calcio ecuadoriano è fermo a trent'anni fa e il football non è neanche lo sport nazionale, ma un'eventuale vittoria contro l'Albiceleste darebbe un po' di fiducia alla federazione ecuadoriana che punterebbe di più sul calcio.

Insomma due grandi sogni per due piccole Nazionali. 

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy