Non bastava l'Europeo di calcio, non bastava il Mondiale e neanche la mai compresa Confederations Cup.

Ora arriva pure, udite udite, la UEFA Nations League. Cioè un campionato tra Nazionali. 55 squadre nazionali affiliate all'UEFA saranno ripartite in 4 leghe in base al ranking UEFA  Nella Lega A, le migliori 12 Nazionali dovranno sfidare per ottenere il titolo di campione del torneo. Le squadre vincitrici dei quattro gironi della Lega A si qualificheranno per la Final Four che verrà disputata ad eliminazione diretta  nel mese di giugno di un anno dispari, e la vincitrice della finale verrà proclamata campione. 
L'Italia sarà, in modo forse immeritato, nella SerieA con Germania, Belgio, Portogallo, Spagna, Francia, Inghilterra, Svizzera, Polonia, Islanda, Croazia e Olanda. 

Ora, una roba del genere era proprio necessaria? Come saranno contente le società dei vari campionati, come saranno contenti i tifosi che dovranno assistere a campionati sempre più a forma di spezzatino settimanale con turni infrasettimanali.
Ma ridateci il vecchio Mondiale. Già l'Europeo sembra essere un qualcosa di vecchiotto e superato. Troppe competizioni che coinvolgono la nazionale. Ed il tutto in un mondo dove si sta andando nella direzione del superamento delle Nazioni, salvo qualche caso che è l'eccezione e non la regola.

Insomma, questa fantomatica competizione tra Nazionali, che è una via di mezzo tra mondiale ed europeo, era proprio necessaria? Una competizione antistorica, inutile, di cui non si capisce proprio il senso.