Dashboard
clear
Naviga
Home
Calciomercato.com
Login
Squadre
clear
Leggi gli articoli per squadra
Atalanta
Benevento
Bologna
Cagliari
Chievo Verona
Crotone
Fiorentina
Genoa
Inter
Juventus
Lazio
Milan
Napoli
Roma
Sampdoria
Sassuolo
Spal
Torino
Udinese
Verona
dehaze
info

le news scritte dai tifosi

Playcalcio
Marco Barone

La Scala del calcio ha i mesi contati...

Lo Stadio Meazza di Milano, noto però come San Siro, è attualmente di proprietà del Comune di Milano, giocano l'Inter ed il Milan e la sua origine risale al lontano 1925 per subire nel corso di quasi un secolo profonde ristrutturazioni per arrivare alla scala del calcio di oggi, pur con i suoi storici problemi a partire dal prato. 

Il calcio è mutato, l'Inter ed il Milan hanno due proprietà internazionali ed in modo eccezionale Milano che è la city del capitalismo italiano, del liberismo italiano, dell'internazionalizzazione, ma è rimasta ferma alla tradizione. Quale? Il nome dello stadio.
Ma in verità non per questo motivo che ancora oggi mantiene i suoi due nomi tradizionali e storici. Ma per un motivo semplicemente economico, di gestione. E' evidente a tutti che si sta per concludere a Milano una partita epocale che riguarderà proprio il futuro di questo stadio e nel bene o nel male cambierà nome, questo è inevitabile.

Come è accaduto per stadi minori come quello del Sassuolo, Mapei, o per quelli più importanti come quello della Juventus, o che dire di quello dell'Udinese? Il cui cambio del nome ha provocato un terremoto in città. E i tifosi si rifiutano di chiamarlo Dacia Arena, ma rimarrà per sempre nei loro cuori come stadio Friuli, nome che ancora oggi si può sentire in qualche telecronaca.  
Ma i capitali fanno la differenza, e la faranno soprattutto oggi che le squadre italiane hanno bisogno più che mai di mettere le ali. San Siro è destinato a seguire le sorti dell'Allianz Arena, dell’Emirates Stadium, dell'Etihad ecc. Vi è una corsa all'omologazione, lo sponsor è lo sponsor, senza lo sponsor le squadre di calcio faticano, e così è stato per diversi stadi importanti, e così sarà anche per la scala del calcio.

E dunque è sempre più vicino il momento dell'addio di San Siro... ma i tifosi a Milano e fuori le porte di Milano come accoglieranno questa rivoluzione? Senza dolore, come accaduto a Torino, con ira, come accaduto ad Udine, la cui partita e contestazione è ancora aperta?

 

Commenta l'articolo

Accedi o registrati per poter commentare questo articolo.

o
Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname collegato alla sua registrazione e di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Calcioinfinito srl manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni e per visonare Condizioni di servizio e informativa privacy